Mater Dolorosa

by HAUTVILLE

/
  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    8 new songs featuring guest musicians Alturo Stalteri [piano], William Matteuzzi [tenor - vocal], Rebecca Dallolio [violin], Daniela Caschetto [cello], Giulio Amico Padula [trumpet] and David Bisetti [timpani, snare and cymbals]
    Digipack cover by Mirko Lucchini, artwork and design by Roberto Sivilia.
    Album duration: 42 minutes

    Includes unlimited streaming of Mater Dolorosa via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 3 days

      €12 EUR

     

  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      €7.50 EUR  or more

     

1.
05:24
2.
04:23
3.
4.
04:38
5.
6.
05:28
7.
8.
06:03

credits

released May 30, 2016

Guest musicians:

Giulio Amico Padula - trumpet
David Bisetti - timpani, snare and cymbals
Daniela Caschetto - cello
Rebecca Dallolio - violin
William Matteuzzi - tenor (vocal)
Arturo Stalteri - piano

All music composed by Hautville
All lyrics composed by Hautville except where noted

Produced by Francesco Dinnella and David Bisetti

Recorded, mixed and engineered by Francesco Dinnella and David Bisetti
Cave Studio, Casalecchio di Reno [BO] Italy

Mastered by Giovanni Versari
La Maestà Mastering, Tredozio [FC] Italy

Cover painting by Mirko Lucchini, L’antica città di Ys © [watercolor, 2012]
Inside painting by Mirko Lucchini, Il frutto più antico degli alberi © [Oil and Acrylic , 2013]

Artwork and design by Roberto Sivilia


We would like to thank all the people who helped make this album possible

tags

license

all rights reserved

about

HAUTVILLE Italy

contact / help

Contact HAUTVILLE

Streaming and
Download help

Track Name: Dis Pater
DIS PATER

Lampo dal cielo risplende una nuova realtà
fiorisce il pianto di città
fra terra e cielo il serpente divora le età
brucia in silenzio l’anima.

Nasce la storia e conati di gloria,
crescon le attese di braccia protese
verso il dio degli schiavi
che potere non ha.

Notte d’incanto un raccolto superbo ci da
eroi mortali e prosperità
come un cero il pensiero si consuma
nessun ricordo di verità.

Ardente vampa ai confini del tempo
porta la Luce senz’alcun rimpianto
verso il Dio senza volto
che paura non ha.
Track Name: Artemide
ARTEMIDE

Dal fondo un suono risale
di forze oscure che di vivo
hanno solo il livore di belve assetate
Con il mio sguardo sereno
e il silenzio di un Re che sa il suo destino
Non si arrende mai

Ora sono Artemide

Infine è giunto il momento
dell’assedio di ignari dei segni del tempo
prediche ai fantasmi
bandiere e veleni
Track Name: Pietà e costanza
PIETA’ E COSTANZA

Un abbraccio avaro, inatteso contatto
un sorriso mirato: lucido bersaglio
Uno sguardo educato a nascondere il buio

Nubi di resa iniettate di pianto

Nuovo disincanto, sangue mal donato
uomo limitato dall’eternità

Un taglio delicato
chiude pienamente la via della pietà
Un passo preparato
meravigliato dalla linearità
un patto comandato
cancellato dal tempo

Il declino elegante
un distacco obbligato

Dono rifiutato, fiore calpestato
alibi macchiato dall’identità
Nuovo disincanto, sangue mal donato
Track Name: Le ombre
LE OMBRE

Per quanti giorni ancora
mi toccherà aspettare
mi dovrò specchiare in questi occhi di dolore
Ho perso troppo tempo
con le rivoluzioni
la maschera irridente di vendette ed ambizioni

In chiese di campagna
recito il rosario
prima di partire per quest’ultima battaglia
Passano le ore
dissolvono il miraggio
verità e coraggio non potranno cancellare

Le lucciole del bosco
han smesso di volare
l’Ombra che conosco tornerà per ricordare
Il battito del cuore
nebbia tagliente
dove solitudini non credono più a niente
Track Name: Mater dolorosa
MATER DOLOROSA

Luce tra i fiori la sua dolcezza
viene dai Numi la sua bellezza

Scende il suo cuore dove fiorisce la rosa
e negli occhi l’amore

Fiume d’argento, impeto e forza
stretto tra i seni
dolore riposa
Track Name: La sposa
LA SPOSA

Sono di bianco vestita e il mio amore non c’è
solo il rumore di un mondo che mondo non è
come una foglia d’autunno che vita non ha
persa nel vento del mare che non ha pietà

Ora per ora, cocente mistura
di forze evocate da me
non si compiace del vento che tace
la rabbia che vuol vincere

Je suis très seule et fatiguée seigneur
et il n’y a que de l’amour dans ma vie
en conséquence de quoi
pourquoi m’avez vous appellée
(Juilius Evola - La parole obscure du paysage intérieur)

Sono di bianco vestita e l’altare non c’è
solo il profumo di un sogno che sogno non è
come una foglia d’autunno che vita non ha
persa nel vento del mare che non ha pietà
Track Name: Per non sentire niente
PER NON SENTIRE NIENTE

Purifico all’alba le stanze con l’acqua e col sale
brucio i profumi e mi siedo nell’oscurità
in attesa del silenzio
del senso di Sé nel centro pulsante del cuore

Torno da un viaggio che dura da seimila anni
occhi di collera e voglia di fare del bene
Per non sentire niente
come divinità tra spettri di acque agitate

Mente che inseta preghiere per dominare
la condizione ordinaria del corpo animale
Si nasconde al mondo la chiave
di ogni magia che Eroi soli vanno a cercare

L’Oro si fonde nel Sole per poi ricadere
come rapiti crediamo di essere noi
in un gioco di illusioni
di possibilità tra vespri cantati e avversioni
Track Name: Il castello
IL CASTELLO

Un corvo e una colomba mi guidano
al Castello del Re
Non mi accorgo che han scelto la strada
giusta per me

Ridono gli indegni, ignorano, al banchetto
il giudizio del Re
Non si salverà chi vive di menzogna e viltà

Perdersi nell’ombra di un manto
che avvolge la testa del Re
sangue e cenere
prodigio a cui non posso assistere